NewsPrimo Piano

Hyundai: la gamma N va in pista a Monza

Lo stato di salute di un marchio automobilistico passa da diversi indicatori, tra i più affidabili si trova l’impegno profuso nel motorsport. Un campo imprescindibile dove si fondono sviluppo tecnologico e passione per la guida, sempre più spesso dimenticata.

Hyundai ha voluto mostrare il proprio stato di forma mettendo a disposizione di addetti ai lavori e giornalisti i gioielli della sua divisione sportiva, quelli identificati con la lettera “N”. Un’intera giornata di test sul circuito di Monza al volante della cifra tecnologica e sportiva di cui il marchio si vanta. Naturalmente “Safe-Drive” non poteva mancare.

L’occasione è stata anche quella di sfoggiare la nuova i20 N e annunciare l’arrivo della Kona nella versione N.

Val la pena ricordare che l’anima sportiva del marchio coreano si divide in N-Line (ovvero l’allestimento sportivo con tutti motori turbo, su tutta la gamma), e semplicemente “N”, intendendo la derivazione più diretta e performante dalla divisione sportiva dove i cavalli possono arrivare fino a 280. Chi pensa non siano molti probabilmente ha poca dimestichezza con il mondo del motorsport. Quello che davvero conta è il rapporto della potenza con il peso, la rigidità della struttura e del telaio, la distribuzione dei pesi, l’erogazione della potenza espressa in Nm, la capacità di frenata, il mantenimento della stabilità, la reattività delle sospensioni.

Insomma, tutti fattori che rendono l’auto performante e divertente tra i cordoli di un circuito. In buona sostanza quello che si è potuto apprezzare alla guida della gamma N di Hyundai. Giornalisti, piloti, collaudatori…… il verdetto è stato unanime; le performance delle vetture e soprattutto il comportamento neutro nelle diverse situazioni hanno impressionato oltre le più rosee aspettative.

Il divertimento è stato amplificato dalla facilità di guida delle vetture a marchio N, compreso un performance setting estremamente comodo e un display con dati pista immediatamente fruibile, presente su tutti i modelli, che ha contribuito ad aumentare il piacere della sfida.

L’attenzione si è concentrata sulla novità rappresentata dalla piccola i20 N se non altro perché costituisce la base della WRC che corre nel mondiale rally, dove Hyundai ha trionfato nei costruttori nel 2019.

Al primo sguardo si notano una calandra specifica, una presa d’aria anteriore più ampia, dei cerchi da 18 dedicati, e un evidente spoiler posteriore. L’assetto è stato ribassato di 10 mm.

Nascosto invece dal cofano c’è il millesei sovralimentato, con una pressione di sovralimentazione da 350 bar, dotato di intercooler, con sistema d’alzata delle valvole variabile. Il cambio manuale a sei marce non è quello di serie ma opportunamente adattato all’incremento di potenza e coppia, rispettivamente 204 cv e 275 Newtonmetro che se si mettono in relazione al peso di 1.190 kg consentono uno scatto da 0 a 100 km/h in 6,7 secondi, e una velocità massima di 230 km/h.

Gli esperti della divisione sportiva hanno voluto equipaggiare i20N anche con differenziale meccanico anteriore per evitare pattinamenti e sfruttare al meglio le potenze. Per i più tecnici va segnalato anche il Rev Matching, che sincronizza al meglio l’albero di trasmissione al motore al fine di migliorare l’efficienza nelle scalate, il Launch Control e la possibilità di disinserire l’Esp.

Naturalmente non è con la sua gamma N che Hyundai conta di performare i dati di vendita. Rimane un segmento per pochi appassionati ma non per questo inaccessibile, tutt’altro. Ad esempio, tenendo presente gli sconti abbinati alla rottamazione, il bonus pronta consegna e quello relativo al finanziamento, nuova i20 N con un prezzo di listino di 28.550 euro, può arrivare a costare 25.050 euro. Un valore stupefacente in rapporto ai contenuti.

 

 

Related Articles

Back to top button