NewsPrimo Piano

Citroën C5 X

La chiamano berlina, ma la Nuova Citroën C5 X va ben oltre il concetto di una vettura di prestigio a quattro porte più bagagliaio. Perché nel suo Dna il segno più importante è la contaminazione. Una dote che ha fatto in modo che venisse progettata non solo per l’Europa ma anche per l’importante mercato cinese. Ecco perché chiamarla berlina è riduttivo in quanto sono diversi gli stili ai quali associa il suo nome. Per esempio, può essere definita un’hatchback, per il portellone che fa accedere al bagagliaio. Oppure una sportwagon per il mix tra un cofano lungo e imponente, una linea di cintura alta e una coda rastremata. O ancora una crossover per la praticità e l’altezza da terra più significativa di quella tipica di una berlina.

Dopo averne parlato tanto, aver concupito le sue forme dalle immagini virtuali a causa dell’assenza in Europa dei saloni d’auto tradizionali, finalmente è stato possibile vederla dal vivo nei paddock della pista di Arese, appena fuori Milano, e anche salire a bordo.

Se la prima parola d’ordine data ai progettisti è stata originalità, la seconda è chiaramente comfort, proprio come si pretende da un’ammiraglia. A cominciare dalle poltroncine, che offrono una seduta straordinaria, grazie a materiali studiati per unire un’imbottitura ad alta densità a una spessa schiuma strutturata. Risultato: sentirsi rilassati e in forma anche dopo i viaggi più lunghi. Segue lo spazio. Se i passeggeri davanti godono di uno straordinario spazio per le gambe, lo stesso vale per quelli dei posti dietro che apprezzeranno una posizione piacevolmente ampia e una generosa distanza della testa dal padiglione. Quando, poi, si tratta di caricare, la nuova C5 X può contare su un portellone che si apre passando il piede sotto il paraurti e dà l’accesso a un baule di 545 litri. Naturalmente, il lavoro sporco tocca alle sospensioni attive, che puntano a enfatizzare l’effetto tappeto volante nato con la Ds su tutti i percorsi, senza rubare nulla al piacere di guida, dicono in Citroen.

Lunga 481 cm e alta 159, è chiaramente nata sotto il segno della tecnologia. Per prima cosa offre un grande Head Up Display che proietta le informazioni utili al conducente sul parabrezza, riducendo la possibilità di distrarsi distogliendo lo sguardo dalla strada. L’Highway Driver Assist, invece, combina regolatore della velocità con funzione Stop&Go e avviso attivo di superamento involontario della linea di carreggiata per gestire la guida in maniera semi-autonoma.

Una guida assistita di Livello 2 al quale contribuiscono anche il sensore che intercetta una vettura in movimento durante la retromarcia e la telecamera 360 gradi Top Vision che facilita le manovre mostrando dall’alto l’area esterna alla vettura. Infine, C5 X inaugura il nuovo info-intrattenimento My Citroën Drive Plus, associato a un display da 12 pollici che si usa come un tablet e funziona anche con i comandi vocali.

Al lancio sono previste versioni a benzina, diesel o ibrida ricaricabile con potenza di 225 cavalli. Al momento non è prevista una versione elettrica. Fabbricata in Cina, dove Citroen conta di vendere la maggior parte della produzione, arriverà in Italia alla fine dell’anno, mentre gli ordini si potranno effettuare da ottobre. Per i prezzi occorre aspettare dopo l’estate.

 

Related Articles

Back to top button