NewsPrimo Piano

Ford Puma, la SUV che piace

Per la rubrica “Guida all’Acquisto” Safe-Drive questa settimana ha scelto per voi Ford Puma. Un progetto completamente nuovo nonostante si avvalga di un nome legato al passato. Fin dalla prima apparizione, avvenuta nel dicembre del 2019, Ford Puma ha suscitato l’interesse della stampa per la sua elevata dose di personalità, in un contesto sempre più uniformato. Nell’ambito di Auto Europa 2021, il premio organizzato dalla Uiga, i giornalisti italiani dell’automobile, Puma è stata votata al primo posto dalla Giuria dei 100 Opinion Leader. Le doti della nuova Suv compatta sono state evidentemente riconosciute anche dal pubblico che ha premiato le intuizioni degli ingegneri con un sonoro successo di vendite, nonostante il difficile momento economico dovuto alla crisi sanitaria. Puma fin dai primi mesi di vendita si è confermata l’auto ibrida più venduta in Italia.

Per descriverla salta alla mente una frase del famoso musicista Woodie Guthrie, che recita: “Chiunque può fare qualcosa di complicato ma per puntare alla semplicità occorre genio”. E’ proprio la ricerca di soluzioni semplici in Puma si sono confermate geniali e distintive. A partire, giusto per fare un esempio, da quello che è stato battezzato Magabox. Si tratta di un profondo pozzetto da 80 litri ricavato nel piano di carico, concepito per ospitare oggetti voluminosi e sporchi, impiegati per le più diverse attività, dal lavoro allo sport. Questa semplice ma geniale soluzione consente non solo di non sporcare il bagagliaio, ma preservarne l’intera capacità. Il box inoltre è pensato per essere pulito con estrema facilità.

Naturalmente non mancano anche dispositivi elettronici di ultima generazione, anzi abbondano, ma sempre progettati per una fruizione semplice ed immediata, senza che per questo perdano la loro efficacia. Come il riconoscimento dei segnali stradali, la frenata automatica di emergenza e il mantenimento nella corsia. Con i pacchetti Co-Pilot e Winter si aggiungono, l’assistenza in caso di rischio di collisione, il Cruise control adattivo con Evasive steering per mantenere la massima stabilità del veicolo in caso di manovre fuori dal controllo del guidatore, i sensori di parcheggio anteriori, la retrocamera, e per dare un’idea dall’alto livello di equipaggiamento Puma vanta, oltre al parabrezza termico, anche il riscaldamento dei getti lavavetro, dei sedili e del volante.

Non meno completo il capitolo legato all’infotainment e alla connettività, compresa l’app FordPass attraverso la quale si possono controllare a distanza alcune funzioni e ricevere avvisi sullo stato del veicolo. Completano il quadro il climatizzatore automatico, l’impianto audio B&O e il tetto panoramico apribile.

Se la sostanza, come abbiamo capito, è il punto di forza di Ford Puma non per questo la sua forma è stata messa in secondo piano nel progetto generale. Anzi, si può affermare che l’appeal suscitato dalle sue linee sinuose abbia contribuito al successo.

Lunga 4 metri e 19 centimetri, 14 centimetri in più della Fiesta, Puma è  più corta delle dirette rivali. La compattezza però non ha impedito a tecnici e designer di ricavare spazio a sufficienza per i passeggeri e il bagagliaio che offre una capacità di 456 litri ben sfruttabili.

Chiarezza e semplicità si ritrovano anche nella proposta delle motorizzazioni. Ford permette di scegliere tra motori benzina tre cilindri da 1.000 e 1.500 cc, ovvero i pluripremiati Ecoboost, e un diesel 1.500 da 120 cv. La novità importante è data dal debutto su Puma dell’EcoBoost mild hybrid a 48 Volt, con potenze da 125 e 155 cv. Si tratta di una soluzione che si avvale di uno starter/generator da 11,5 kW, che sostituisce l’alternatore standard e permette il recupero dell’energia nelle decelerazioni e la ricarica di un pacco batterie agli ioni di litio.

Tra i segreti del successo va certamente tenuto presente l’accessibilità del listino, soprattutto in considerazione degli elevati equipaggiamenti: la versione benzina parte da 21.000 euro, 22.750 per quella diesel e solo 24.000 euro per la nuova Mild Hybrid.

 

 

Related Articles

Back to top button