NewsPrimo Piano

Citroën Ami

La mini car full electric

L’orgoglio di un passato illustre va onorato coi fatti. Il libro dei ricordi di Citroen è colmo di capitoli che parlano di modelli coraggiosi, inovativi, rivoluzionari. Oggi si può dire con certezza che se ne aggiunge un altro. La rivoluzione elettrica che si sta vivendo offre scenari e opportunità di grande suggestione, basta avere estro e audacia.  Citroen non si è fatta pregare.

Il nuovo capitolo si chiama Ami, è una mini car completamente elettrica, pensata per tutti. La burocrazia la definisce un quadriciclo leggero. Può essere guidata dai 14 anni in su con patentino AM, costa come uno scooter o poco più, è pratica, può trasportare due persone, sicura, economica e con una dose di allegria innata dove poter imprimere tutta la propria personalità.

Il concetto di questa vettura  (noi, poco burocrati, continuiamo a definirla così) è la sua accessibilità; per il prezzo, per le sue dimensioni estremamente compatte, 241 cm che le permettono di stare ovunque, per la sua autonomia di 70km e ricarica in sole tre ore alla normalissima presa di casa, perchè i genitori si sentono più tranquilli a pensare i loro figli protetti da un abitacolo, perchè mette al riparo da pioggia e freddo, perchè puoversi in città e andare al lavoro sarà la cosa più semplice del mondo.

Citroen Ami, 241 cm che avranno un impatto notevole sull’arredo urbano delle grandi città, per la forma, per le mille espressioni che può assumere, perché la sua simmetria è un invito a nozze per chi ha estro a cui dar sfogo. Città come Parigi e Milano, culla del design, non  potevano che adottarla immediatamente con l’entusiasmo di chi detta le avanguardie.

Abbiamo provato Ami per le strade di Milano sotto lo sguardo incuriosito dei passanti e sotto gli scatti dei telefonini. Non supera i 45 km orari, aspetto che nel traffico cittadino non costituisce nessun ostacolo, semmai mette al riparo da multe per eccesso di velocità. Naturalmente non ci sono aree interdette, ci si districa come su uno scooter, ma più sicuri, e il problema del parcheggio improvvisamente non è più affar nostro.

Anche le modalità per poter guidare Ami rispondono alle soluzioni più attuali, dall’acquisto, costa 6.000 euro, al noleggio, fino al car sharing. Si parla di cifre particolarmente basse, canoni di 19,99 euro al mese, e soluzioni di utilizzo che tengono conto di ogni necessità. Dal mese di novembre inizierà questa nuova sfida per Citroen, ma per chi abita in città sembra più corretto parlare di opportunità.

Related Articles

Back to top button